Assegnati a Messina 25,3 milioni di euro, fino al 2023, per le strade provinciali

immagine strada 2Sta per essere firmato  il decreto del Ministero Infrastrutture che assegna 1.620 milioni di euro in sei anni (2018-2023) per «programmi straordinari di manutenzione della rete viaria di province e città metropolitane».

I fondi e il programma sono stati previsti dal comma 1076 della Legge di Bilancio 2018, e prevedono una spesa di 120 milioni di euro per quest’anno, con successive 5 tranche da 300 milioni dal 2019 al 2023.

Si tratta di importanti risorse per la manutenzione straordinaria delle strade, aspetto trascurato dopo l’abolizione delle province. Il Decreto stabilisce che le risorse non potranno essere utilizzate per realizzare nuove tratte stradali oppure opere fuori dall’ambito stradale, ma solo per interventi di progettazione e di adeguamento normativo, miglioramento della sicurezza, percorsi per la tutela di utenti deboli, salvaguardia pubblica incolumità, riduzione dell’inquinamento ambientale, riduzione del rischio da trasporti soprattutto quelli eccezionali, incremento della durabilità e riduzione dei costi, anche grazie alla programmazione pluriennale.

Per la ripartizione delle risorse sono stati applicati i criteri di consistenza della rete viaria (estensione chilometrica e numero dei veicoli), del tasso di incidentalità, della vulnerabilità rispetto a fenomeni di dissesto idrogeologico, cui sono stati attribuiti specifici parametri.

Il monitoraggio sarà effettuato dalla Struttura Tecnica di Missione del Ministero, tramite una specifica piattaforma informatica. La quota prevista per il Sud è pari al 38%, ossia una percentuale superiore al minimo di 34% delle risorse ordinarie per investimenti, fissato dalla legge di conversione del febbraio 2017.

Ripartiti su 107 Province le cifre non sono enormi: si va – in sei anni – dal minimo di 6 milioni di euro per Lodi e Prato al massimo di 54 della Provincia di Roma (la ripartizione completa su Edilizia e Territorio on line), con la maggior parte delle province che ottengono cifre oscillanti tra 15 e 25 milioni (in sei anni).

Alla provincia di Messina sono stati destinati 25,3 milioni di euro, che potranno riavviare, seppur in un periodo lungo come sei anni, la spesa da destinare alla vasta rete viaria del territorio.

In allegato, il testo del DM

Schema DM STRADE 16

Articolo Riservato. Accedi per visualizzare il contenuto.

Accedi per Area Riservata
 Ricordami